Casa de Blas Vista di insieme

Alberto Campo Baeza, Casa de Blas (Sevilla de la Nueva, Madrid, Spagna, 2000)

Casa de Blas, di Alberto Campo Baeza, è una architettura residenziale situata a Sevilla de la Nueva. E’ un progetto che si sviluppa su un terreno collinoso, e indaga il rapporto con il luogo mediante delle forme pulite e un’interpretazione interessante del concetto di podio abitabile. E’ un’abitazione che difatti si misura con il luogo mediante una fusione con esso. Si compone mediante un volume di cemento armato sormontato da una scatola di vetro, coperta da una struttura in acciaio verniciata di bianco.

CARATTERI FORMALI E DISTRIBUTIVI

C’è una divisione netta tra spazi superiori e spazi inferiori del fabbricato. A piano superiore si trova una teca di vetro (o capanna), è un’ambiente estremamente minimale che si confonde con la natura grezza mediante la sua trasparenza e la sua neutralità. Un’unico segno di rapporto con il paesaggio, regolato con un volume permeabile, che si può descrivere con questa scatola di vetro di 4,5 x 9 metri. La struttura in acciaio, di 6 x 15 m., oltre che assolvere alle esigenze di copertura, si protrae oltre generando uno spazio a portico rivisitato esterno. Questo ambiente poggia su un pavimento integrato nel podio in calcestruzzo armato che ospita anche una piscina.

Casa de Blas - Veranda e piscina
Alberto Campo Baeza – Casa de Blas – Vista della veranda e delle piscina – Copyright @ Alberto Campo Baeza

La casa vuole essere una traduzione letterale dell’idea di una scatola tettonica supportata su una scatola stereotomica. Come un distillato dell’essenza architettonica. Ancora una volta, less is more. – Alberto Campo Baeza

Casa de Blas scatola di vetro
Alberto Campo Baeza – Casa de Blas – Scatola di vetro – Copyright @ Alberto Campo Baeza

Lo spazio che si trova sotto, posto a piano parzialmente interrato, chiamato anche grotta, racchiude in se varie tematiche. Un rapporto con il territorio, inteso dal podio vero e proprio, che si instaura all’interno del tessuto collinoso. Si modula in una maglia miesiana di 50 x 50 cm che va a formare un rettangolo di 9 x 27 metri. Il rapporto del basamento, la ricerca di una proporzionalità perfetta, ma anche un rapporto tra volumi, sono un richiamo lampante dei principi rivisti e rivisitati di una parte del movimento moderno. Ma anche un concetto di podio puro inserito in modo casuale ma preciso in una quinta nel contesto, con un richiamo al partenone.

La distribuzione interna si rapporta con la luce in modo ottimale. Le camere da letto sono infatti poste a nord mentre tutte le zone a giorno a sud. Gli ambienti posti nel podio risultano comunque molto luminosi grazie a questa logica distributiva, ed alle aperture che si aprono, in modo pulito e minimale, verso il paesaggio.

Casa de Blas Vista interno
Alberto Campo Baeza – Casa de Blas – interni – Copyright @ Alberto Campo Baeza

CONSIDERAZIONI

Rispetto ai tempi ed alle modalità comunicative di Casa Gaspar è evidente che ci sono degli elementi interessanti nell’evoluzione del processo progettuale di Alberto Campo Baeza. Mantenendo una filosofia minimale e di rifiuto verso il superfluo vi sono una serie di attenzioni rispetto alla convivenza dei materiali, che vengono utilizzati in numero limitato e messi in una complementare convivenza attraverso un distacco che è anche funzionale, dove spazi serventi e spazi serviti comunicano all’interno di definiti cambi percettivi. In un’epoca dove l’architettura corre verso la ricerca della forma è sicuramente elemento di merito per Alberto Campo Baeza avere la capacità di prendere dei riferimenti dal passato e a tradurli in pochi e incisivi elementi formali che si sanno paragonare con il contesto. I riferimenti verso le architetture di Mies Van Der Rohe, come in quelli verso la filosofia di Louis Kahn sono chiari ed evidenti, nella ricerca di una ri-scoperta di una architettura che si fonda nell’ordine funzionale e nella purezza delle forme. L’architettura è l’unico elemento di paragone con il contesto, rimasto immutato e non modificato durante la costruzione di questa opera. Una chiave comunicativa efficace e chiara, che fa di questo progetto uno dei capolavori residenziali di Alberto Campo Baeza.

MODELLI

Modello di casa De Blas
Alberto Campo Baeza – Casa De Blas – Modello – Copyright @ Alberto Campo Baeza

DISEGNI

Planivolumetrico del fabbricato
Alberto Campo Baeza – Casa De Blas – Planivolumetrico – Copyright @ Alberto Campo Baeza

DESCRIZIONE DEL PROGETTISTA

Alberto Campo Baeza

Questa casa è, innanzitutto, una risposta alla sua posizione: sulla cima di una collina, a sud-ovest di Madrid, con una splendida vista sulle montagne a nord.
È stata creata sopra una piattaforma su cui appoggiarla: è stata costruita una scatola in cemento armato, come se fosse un podio, sul quale si colloca  una scatola in vetro trasparente, delicatamente coperta da una leggera e semplice struttura in acciaio dipinto di bianco.

Continua a leggere...


La scatola di cemento, radicata a terra, accoglie una distribuzione spaziale con uno schema chiaro, composto da una parte dai servizi, sul lato posteriore, e da spazi serviti, nella parte anteriore. All’interno, si aprono finestre quadrate, inquadrando il paesaggio, regalando una sensazione di lontananza.
La scatola di vetro in cima alla piattaforma è un belvedere, al quale si sale dall’interno della casa. Da questo punto di vista, il paesaggio è sottolineato in modo che appaia più vicino.
La scatola di vetro, senza carpenteria sotto la struttura metallica, si estende quasi fino al bordo della facciata nord ed è arretrata sulla facciata sud per fornire ombra.

In basso, la “grotta” è uno spazio per il rifugio. Sopra, la capanna, la nicchia, è uno spazio per contemplare la natura. La doppia simmetria nella composizione delle colonne conferisce alla casa un carattere tranquillo e sereno.
La casa vuole essere una traduzione letterale dell’idea di una scatola tettonica supportata su una scatola stereotomica. Come un distillato dell’essenza architettonica. Ancora una volta, less is more.

BIBLIOGRAFIA

LINKS ED ALTRI CREDITI

Condividi: